Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.com
Stragi scolastiche negli USA: perché?

[

Stragi scolastiche negli USA: perché?

]


società - 27/05/22

È un tema delicato e controverso. In questi giorni l'ennesima strage, in Texas, ha lasciato 22 famiglie distrutte per mano di un ragazzo che aveva appena compiuto 18 anni.

Perché accadono e perché sempre negli Stati Uniti?

La risposta più semplice è anche la più a buon prezzo: perché negli Stati Uniti le armi da fuoco si possono comprare troppo facilmente.

Ma siamo sicuri che sia davvero così?



Fra tutti i paesi del mondo, gli Stati Uniti hanno indiscutibilmente il maggior numero di armi leggere da fuoco per persona, in media 120 fucili e pistole ogni 100 persone.

Ma in cima alla lista ci sono molti altri paesi sviluppati come Canada, Finlandia, Austria, Serbia, Montenegro, Norvegia, Malta, Svizzera, Norvegia e Svezia che ne hanno da 23 a 40 ogni 100 abitanti.

Molte meno che gli Stati Uniti, ma sono comunque numeri ragguardevoli.

E allora perché non sentiamo mai di stragi nelle scuole in questi paesi?

Nella Repubblica Ceca prendere il porto d'armi è come prendere la patente di guida e il diritto di possedere armi per difendere la propria vita o quella di altre persone è garantito dalla Costituzione.

Da noi, in Italia, prendere un porto d'armi per uso sportivo è ancora più facile. Basta passare una visita medica, fare un corso di maneggio armi della durata di alcune ore - se non hai fatto il militare, perché altrimenti non ne hai bisogno - e riempire qualche modulo.

In Israele, dove pure hanno problemi di sicurezza pubblica molto gravi, i ragazzi escono la sera e si portano il fucile automatico d'assalto a tracolla. Ed è lo stesso governo a incentivarli.

Eppure anche là non mi risulta che ci siano stragi nelle scuole. E nemmeno in Italia o nella Repubblica Ceca.

Dunque, perché le uniche stragi scolastiche annunciate nei telegiornali sono negli USA?

A mio avviso è troppo semplicistico sostenere che il problema sono le armi.

Perché allora uno potrebbe anche dire: il problema sono le scuole. Chiudiamo le scuole e non ci saranno più stragi scolastiche.

E sta' pur certo che se qualche politico lo proponesse, troverebbe chi gli va dietro.

Perché quello del controllo delle armi è una questione principalmente politica, prima ancora che sociale o sociologica.

Rabbia repressa


Partiamo da un dato di fatto: se un malintenzionato vuole commettere un crimine e ha bisogno di un'arma, il modo di procurarsela lo trova. I mercati neri esistono per questo. Oltretutto oggi è possibile comprare armi anche in internet, attraverso il dark web. Consegna a domicilio.

Quindi, se hai una connessione internet, sei un malintenzionato e non t'importa di detenere illegalmente armi, hai anche questo canale a disposizione.

Altri sostengono che le stragi nelle scuole non sono causate dalle armi, ma dai disturbi mentali: se riuscissimo a diagnosticare in anticipo tutte le persone con schizofrenia, bipolari, sociopatici violenti e depressi arrabbiati e vietar loro l'accesso alle armi, avremmo risolto la questione.

Ma a parte il fatto che allo stato attuale psichiatria e psicologia clinica non sono in grado di predire se un individuo potrà dar luogo a un omicidio di massa, quasi sempre questi mass shooter, cioè assassini di massa, non mostrano segni così evidenti di squilibrio mentale.

Una direzione a parer mio più utile per capire questo tragico fenomeno è quella della rabbia cronicamente repressa. Ciò che questi giovani pluriomicidi hanno in comune è la rabbia.

Dalla psicologia sappiamo che la rabbia può essere conseguenza di frustrazione, che a sua volta è causata da un problema che non riusciamo a risolvere.

E in questi casi si può parlare di rabbia da mancato riconoscimento.

Questi ragazzi sono dei disadattati, perché sentono di essere vittime di una profonda ingiustizia da parte di una società ultracompetitiva e ultraindividualista, come quella americana, nella quale non sono in grado di soddisfare il loro bisogno di riconoscimento.

Perciò compiere una strage è un modo, nella loro mente, per ottenere due risultati allo stesso tempo: rendersi importanti e farsi riconoscere, e vendicarsi di quella società che ha impedito loro di affermarsi.

E quali potrebbero essere le cause vicine del perché questi ragazzi non riescono a funzionare bene nella società e ad affermarsi, senza ricorrere alla violenza?

Una delle prime cose che ti insegnano, quando studi psicologia dello sviluppo, è la funzione di madre e padre per il bambino. Quella del padre è introdurre i figli nella società. Insegnar loro come funziona e come ottenere da essa ciò che gli serve.

Allora, prendi un ragazzo introverso, levagli il padre, mettilo a sedere tutto il giorno davanti a tv, videogame e siti pornografici. Privalo di qualsiasi guida morale, disciplina, senso di cameratismo, possibilmente lascia che faccia uso di droghe. Fallo isolare e lascialo in balia di se stesso. A umiliarsi.

Ecco come si costruisce uno sparatore di massa.

Non c'è nemmeno bisogno di dargli una pistola. Quella se la troverà da sé.

[Fonte: https://worldpopulationreview.com/country-rankings/gun-ownership-by-country]_


Contatti


Se vuoi essere ricontattato, scrivimi una email oppure riempi e invia il modulo sotto.

Se vuoi contattarmi direttamente, puoi telefonarmi o scrivermi su WhatsApp.



+39 329 4073565


info@giuseppesantonocito.com


WhatsApp




STUDIO PRIVATO
Via della Manifattura 7/a - 50058 Signa, Firenze

Vedi le mie recensioni su Google Maps

Scrivimi una recensione!



(i campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti)

Nome: (*)
Cognome: (*)
La tua email: (*)
Richiesta: (*)
Note:






Utilizziamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR), aggiornato dal Provvedimento n. 231 del GPDP del 10/06/21, per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.

I cookies non obbligatori sono sempre disattivati.

Clicca su "Ok" per continuare la navigazione.


Ok


Cliccare qui per ulteriori informazioni