Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.com
Quando lavarsi diventa una compulsione

[

Quando lavarsi diventa una compulsione

]

ansia/panico – 25/04/11

I disturbi ossessivo-compulsivi sono spesso diagnosticati in ritardo nei ragazzi e negli adolescenti. Nell'ultimo numero della rivista Deutsches Ärzteblatt International, S. Walitza e colleghi rilevano che il riconoscimento e il trattamento precoce di questo disturbo ne influenza positivamente il decorso.

Il lavarsi compulsivamente, il più comune sintomo ossessivo fra bambini e adolescenti, è presente nell'87% dei pazienti. Altri comuni sintomi sono: comportamenti ripetitivi (rituali), comportamenti di controllo e verifica, pensieri con contenuti aggressivi o violenti.

La comorbidità con deficit d'attenzione e iperattività è presente nel 70% dei pazienti.

I disturbi oossessivo-compulsivi in infanzia e adolescenza spesso si cronicizzano, compromettendo la salute mentale nell'età adulta.

Le specifiche manifestazioni del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) possono essere diagnosticate precocemente tramite tecniche psicodiagnostiche. Il trattamento può essere difficile e lungo, tanto che il DOC è considerato una "bestia nera" da alcuni operatori della salute mentale. I trattamenti psicologici comportamentali sono considerati la prima scelta e più efficace per questo disturbo. La seconda scelta consiste in cure comportamentali e somministrazione di antidepressivi serotoninergici (SSRI). Tuttavia, anche in questo caso, dopo il periodo di cura farmacologica i pazienti hanno ancora bisogno di psicoterapia per prevenire ricadute.

La patogenesi del DOC è multifattoriale e vi svolgono un ruolo fattori di natura psicologica, neurologica e genetica.

La psicoterapia breve strategica riconosce alla famiglia del giovane paziente un ruolo fondamentale nel trattamento di questo disturbo, tanto che non di rado è possibile sbloccarlo e averne ragione per via indiretta, senza vedere il paziente ma istruendo i genitori sui comportamenti da tenere verso il figlio.

Bibliografia

S. Walitza, S. Melfsen, T. Jans, H. Zellmann, C. Wewetzer, A. Warnke. 2011. Obsessive-compulsive disorder in children and adolescents. Dtsch Arztebl Int.
_
_CONDIVIDI

         



_ARTICOLI RECENTI






_CATEGORIE

tutte (613)
video (56)
alimentazione (36)
ansia/panico (29)
commenti (1)
comunicazione (26)
cultura (8)
depressione (27)
evoluzione (22)
famiglia (13)
filosofia (1)
formazione (2)
generale (73)
lavoro (30)
media (16)
modello strategico (1)
neuroscienze (42)
psicoterapia (33)
relazioni (39)
ricerca e metodologia (1)
scuola e istruzione (13)
sessualità (8)
società (93)
sport (6)
sviluppo (27)
training autogeno (2)
varie (2)
website (6)




_ARCHIVI

tutti (613)
2022 (15)
2021 (31)
2020 (3)
2019 (6)
2018 (11)
2017 (32)
2016 (18)
2015 (63)
2014 (10)
2013 (15)
2012 (17)
2011 (115)
2010 (185)
2009 (79)
2008 (13)





Invia la tua email per iscriverti alla newsletter e ricevere aggiornamenti:








Utilizziamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR), aggiornato dal Provvedimento n. 231 del GPDP del 10/06/21, per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.

I cookies non obbligatori sono sempre disattivati.

Clicca su "Ok" per continuare la navigazione.


Ok


Cliccare qui per ulteriori informazioni